Condannare E-mail

Molti uomini non vogliono comprendere le profezie, tantomeno accettarle. Le considerano inganni, provocazioni o stupidaggini scritte da persone squilibrate. Commettono però l'errore di vedere solo lo strumento e di evidenziarlo, ma scordano LUI. L'uomo incredulo sembra non poter accettare il fatto che Lui agisca in una persona da Lui scelta (chiamato strumento) per dettarne la Sua volontà.

L'uomo andrà piuttosto fino in fondo per provare il falso, invece del vero, perché non vuole accettare la verità divina. L'incredulo è assai timoroso e perciò è più disposto a “crocifiggere” (condannare) prima di ammettere che questo qualcuno tratti per conto Suo sotto la Sua guida e con la Sua delega. Lo strumento stesso non potrà mai provare che è Lui a comunicare nel suo intimo.

Nessun uomo sa esattamente chi o, cosa è l'altro e quale compito ha assunto in questa reincarnazione. Perciò, non condanniamo, come già disse Giacobbe 4: 11 – 12, perché con ogni giudizio che noi esprimiamo, condanniamo anche Lui. E quale uomo è così perfetto da poter emettere un giudizio su di Lui? Ricordate ciò che disse Gesù: “Ciò che fate agli altri lo fate anche a Me!”