Ricerca della pace E-mail

Benché molti uomini sentano già inconsciamente l'inizio di questi cambiamenti e da tempo parlano di pace e libertà, pochi di loro sono pronti ad imparare a guidare i loro sentimenti ed i loro pensieri, per modificare positivamente la loro cerchia personale ed infine, per reazioni a catena, tutta la Terra.

Purtroppo, per comodità, molti preferiscono attenersi a vecchi modi di pensare e di comportamento per non dover modificare troppo le abitudini proprie e dei lori vicini. Però chi vuole progredire, deve partecipare attivamente ai prossimi cambiamenti, altrimenti resterà al grado di sviluppo attuale.

Colui che oggi e nei prossimi tempi sente il bisogno di andare ad abitare altrove, per esempio in montagna, acconsenta e segua questo richiamo. Accettiamo questo intimo desiderio ed andiamo dove siamo guidati, poiché ciò rappresenta una parte della prevista “emigrazione dei popoli”, la dove si ritroveranno gli antichi gruppi familiari. Attualmente ca. 17 milioni di uomini (stato giugno 92) stanno “ emigrando” sia volontariamente o perché costretti (fuggiaschi e profughi). Anche ciò è un segno dei cambiamenti imminenti.

Molti uomini si sentono impotenti di fronte ai cambiamenti e neppure sono disposti a rinunciare all'acquisto benessere, un benessere che può essere mantenuto solo con la forza (soldi, armate ecc.).

In parte si sentono impotenti di fronte alla pessima situazione in cui si trova il mondo. Ciò è letteralmente vero, perché impotenza significa “senza potenza”, e senza potenza devono vedere che tutto ciò che sta attorno, si modifica, di sfascia e si annienta.

Ciò malgrado essi continuano ad aggrapparsi ad istituzioni terrene e non vogliono riconoscerne altre. Si aggrappano a leggi terrene, che furono emanate una volta sulla base di quelle cosmico/divine, ma che vengono oggi modificate a piacimento. Queste leggi, che dovrebbero proteggere sia i ricchi che i poveri, sono divenute una farsa che serve a chi ha soldi (ai potenti) e deruba sempre più i piccoli ed i poveri.

E quando subentrano gravi problemi e situazioni difficili, che i tutori dell'ordine ed i rappresentanti della legge non possono controllare, allora si fa uso della forza militare. Ma questa può solo garantire una pace limitata nel tempo e/o mantenuta solo con l'oppressione. Ma cosa sono libertà e pace quando un uomo punta il fucile contro la schiena dell'altro?

Questa è la pace dei pazzi come lo dimostra la nostra storia. Nessuna vera pace e vera libertà si possono, a lungo andare, conservare con la violenza, poiché questa richiama sempre nuove violenze. Pace e libertà provengono unicamente dal cuore. Dobbiamo vivere nuovamente l'amore per il prossimo! Se noi mettiamo questo proposito al primo posto dei nostri pensieri, molto cambierà in noi e sulla Terra, ancora prima dei prossimo sconvolgimenti.