Albert Einstein E-mail

Prima di parlare di Einstein e della sua teoria della relatività, vi pongo un quesito: secondo voi, che senso ha un Universo infinito se non abbiamo la possibilità di esplorarlo e, soprattutto, che senso ha la sua immensità se riservata ad un piccolo popolo di qualche miliardo di esseri umani?
Qualcuno dirà: e no, caro mio, sul nostro pianeta ci sono anche animali e piante, non solo esseri umani.
GIUSTO, e perchè ce ne dimentichiamo sempre quando è ora di fare i conti con l'inquinamento, i disboscamenti e le micidiali esplosioni atomiche che poco tempo fa andavano tanto di moda?? Bah, ne parleremo dopo.

Tornando al nostro Universo, qualcuno che lo transita per la verità sembra che ci sia. Un tempo ne parlavano solo i film come argomento di intrattenimento, ma ora nemmeno il Vaticano riesce più a negare l'esistenza di extra-terrestri. Non ha caso dispone di un osservatorio astronomico i cui gestori ci vogliono far credere che serve solo per ammirare la grande magnificenza del buon Dio creatore di tutte le stelle.

Mi sembra di vedere l'espressione di chi sta leggendo: "Per tutti gli asteroidi, ma cosa stai dicendo, Franco ??" (appunto io mi chiamo Franco).
A parte  che gli UFO non esistono PERCHÉ' NON LI HO MAI VISTI (ricordate la storiella dei microbi di prima?), se non ci riusciamo noi ad attraversare l'Universo, figurati se ci riescono degli omini verdi con il naso lungo che volano su ridicoli piatti con una scodella capovolta appoggiata sopra.
Eh sì, perchè per spostarsi nello spazio infinito è comunque necessario un grosso razzo con tonnellate di propellente guidato da esseri umani che devono portarsi dietro una scorta di cibo necessaria a mantenere in vita il proprio corpo materiale in cui si ritiene risiedano l'intelligenza e le capacità necessarie per compiere una tale missione.
Non dimentichiamo inoltre, che una volta arrivati su un altro pianeta, dovremo fare i salti mortali per salvaguardare il nostro "involucro organico" dalle differenze atmosferiche che troveremo e, naturalmente, viaggiando alle nostre portentose velocita di qualche migliaio di chilometri/ora, chissà se quando arriveremo saremo ancora in grado di intendere e di volere o se dovremo farci ricoverare in qualche ospizio orbitale nei pressi di Venere.

Arriviamo allora al nostro amico Albert che è riuscito a dimostrare che la materia (e quindi anche noi esseri umani) non è altro che energia concentrata.
Su Wikipedia è spiegato molto bene l'argomento, ma quello che interessa noi poveri omini con intelligenza nella norma è solo questo (riporto un frammento di quanto citato):
"La conversione di un chilogrammo di materia (equivalente a 25 miliardi di kW) coprirebbe, in pratica, il consumo mensile di energia elettrica in Italia"
Quindi, è stato dimostrato che la materia è energia concentrata ed ecco che comincia a rimanere in piedi la teoria che noi possiamo essere considerati energia e l'energia, appunto, é possibile transitarla da un capo all'altro del mondo in pochi secondi. Pensate ad un fax o ad una e-mail: una piccolissima forma di energia elettrica che transita su un cavo o tramite un satellite e si materializza a migliaia e migliaia di chilometri di distanza!

Qualcuno dirà: che fesseria, una cosa è mandare un'e-mail e una cosa è mandare un essere umano nell'Universo.
Allora rispondo: se nel Medioevo avessi sostenuto che era possibile mandare un documento all'altro capo del mondo in pochi secondi facendolo passare per un filo invece che portarlo con un messaggero a cavallo, avrei probabilmente goduto di quei piacevoli attrezzi di tortura che ancora adesso si vedono in qualche museo!
E' ovvio che per riuscire nell'impresa, manderò il contenuto del documento (l'equivalente della spirito che risiede nell'essere umano) e non il foglio di carta (quindi non lo spirito con tutto il corpo). Quando arriverò a destinazione utilizzerò quanto trovo per manifestare concretamente il contenuto (un messaggio può partire su un bel foglio di carta patinata ed essere stampato a destinazione per essere letto su un foglio riciclato di carta ecologia di scadente qualità e, magari, anche con qualche macchia). Il contenuto, comunque, non cambia.
Quindi teoricamente lo Spirito che compone un essere umano può materializzarsi in un altro punto dell'Universo in una forma diversa (ma sempre umana) da quella originale.

Giusto per non annoiarvi, se noi cominciamo a concepire che siamo energia, non possiamo negare (anche se non lo possiamo ancora spiegare e tantomeno fare praticamente) che è possibile uno spostamento energetico da un capo all'altro dell'universo alla velocità della luce.
Questo sarebbe ancora semplice ma comunque limitativo: anche un cagnolino è energia quindi potrebbe viaggiare alla stessa nostra velocità!
"Ma perchè insistete a volermi paragonare ad un animale che sa fare quello che so fare io?"
L'energia a cui stiamo probabilmente pensando si muove alla velocità della luce e quindi raggiungere le parti più remote dell'Universo sarebbe comunque difficile. E qui si capisce la differenza tra noi e il nostro cagnolino.

Nella vecchia Russia da anni hanno dimostrato che il nostro cervello può comunicare telepaticamente ad una velocità molto più alta di quella della luce. Naturalmente non voglio santificare gli amici russi: loro hanno fatto queste ricerche solo per cercare di controllare i propri nemici nell'ambito di ottenere la supremazia militare e non certo per il bene del mondo. Comunque ciò non toglie che il risultato sia di fondamentale importanza e cioè che noi potremmo essere in grado di intrattenere contatti extrasensoriali con altri esseri ubicati a migliaia di anni luce dalla Terra.

Qualcuno adesso dirà: "Bene Franco, però cosa c'entra il discorso che hai fatto all'inizio circa i dischi volanti ?". C'entra, c'entra.
Saper gestire le comunicazioni attraverso l'Universo non è altro che il primo passo per capire che manipolare l'energia può dare risultati che a noi attualmente possono sembrare impossibili (forse miracoli?? Magari ne parliamo dopo se ne avete voglia).
In realtà, e giusto per non annoiarvi, tutto il pianeta si muove utilizzando energia magnetica e cosmica. La Terra gira perchè è come il gigantesco "rotore" di un motore elettrico all'interno di immensi campi magnetici (non entro nel dettaglio perchè qualcuno so che vuole arrivare in fretta al nocciolo del discorso).
Un'astronave che utilizza campi magnetici e, perchè no, anche un pizzico di "antimateria" che di fatto la allontana da qualsiasi "materia" può muoversi a velocità per noi impossibili ma, soprattutto, non utilizzando praticamente nessun carburante. Ma questo è l'argomento del prossimo capitolo. (continua...)